Home > Germoglio > Performances > Manifesti D'artista > Autocoscienza Uno con l'Acqua

IO SONO UNO CON L'ACQUA
OPERA  DI AUTOCOSCIENZA COLLETTIVA

Manifesto d'Artista
Lifelong Learning

40 partecipanti

 Festa dell'Acqua,  sabato10 luglio 2010

Il Coordinamento regionale Acqua pubblica ha organizzato la Festa dell'Acqua a Potenza sabato 10 luglio 2010.
Ad essa hanno inteso partecipare tutti i movimenti, le associazioni, i comitati, i partiti, i sindacati che hanno aderito alla campagna firme e i comuni che hanno votato in consiglio comunale per l'acqua pubblica.
Su invito del coordinamento, come artista al di fuori degli schemi usuali e nell'intento di attivare - con lo speciale linguaggio dell'arte - una rinnovata coscienza nei confronti della Terra
ho partecipato alla Festa dell'Acqua con l'Azione Simbolica:
IO SONO UNO CON L'ACQUA già da tempo messa in atto singolarmente, con la quintuplice installazione nella città di Pz.

Da aprile in poi l'immagine in gigantografia dell'artista con la scritta
IO SONO UNO CON L'ACQUA è stata presente nei seguenti luoghi esterni: V.le Dante di fronte all'uscita della scale mobili, Parco Europa Unita, P.zza Prefettura, P.zza XVIII Agosto, via Appia ponte ferrovia.

In occasione della Festa del 10 luglio IO SONO UNO CON L'ACQUA diventa OPERA DI AUTOCOSCIENZA COLLETTIVA: più persone si sono proposte o sono state invitate – e da me personalmente fotografate - a farsi portatrici del messaggio alla comunità, esponendosi pubblicamente con la propria immagine stampata e con la frase IO SONO UNO CON L'ACQUA ad essa apposta, per un totale di 40 "testimoni".
A livello nazionale ci sono state diverse adesioni all'invito via web, divenendo anch'essi istantaneamente coprotagonisti dell'opera collettiva...

Opera in Arte coinvolgente
Dagli anni '90 Teri Volini teorizza e promuove l'Arte Coinvolgente, favorendo un'attiva, ludica partecipazione alla creazione dell'Opera d'Arte, in modo che il pubblico non sia solo spettatore e fruitore, ma collaboratore e co-protagonista. Al di fuori delle logiche puramente mercificatrici e mercificanti,non è necessariamente artista chi vende le opere che fa , o ha rinomanza grazie ad esse.
Anzi, rispetto al puro consumo, all'omologazione imperante, all'esistere solo perché si vende o si compra, si è venduti o comprati, l'Artista può essere al di sopra di tutto ciò, meglio ancora trovarsi in antitesi con la mortificante massificazione.
Tramite l'Arte, possiamo scegliere di attuare un'utopia: prevedere di rifîutare le norme che ci strumentalizzano impunemente, ritrovando il piacere, la libertà e la generosità del fare.
In tal caso l'Arte può essere un canto che coinvolge e l'Artista una persona che fa dei magnifici doni, in primis, quello di contribuire a migliorare il nostro modo di vivere la vita, annunciando e favorendo dei cambiamenti tramite l'acquisizione di nuove consapevolezze.

Opera in Body Art
Utilizzare il proprio stesso corpo come strumento espressivo, creando un'Opera d'arte vivente e coinvolgente.
Nella body-art il corpo fisico dell'Artista diviene evento creativo in se stesso. Il corpo fisico dell'Artista é l'opera d'arte stessa.
Si attua in tal modo un' Azione in cui è particolarmente visibile la forza rivoluzionaria dell'arte, in quanto, esasperando volutamente determinati comportamenti e di conseguenza "enfatizzando" il reale, si innescano dei processi in grado di realizzare la presa di coscienza personale e sociale.